Stamattina esco a comprare il giornale, poco dopo mezzogiorno. nella buca delle lettere trovo l’avviso di una raccomandata: "potrà ritirare da domani alle 9 bla bla bla".
Domani è primo dell’anno, chiuso. Dopodomani parto alle 8. Ma non poteva usare il citofono?
E allora salgo in macchina e comincio a cercare il postino per le vie del quartiere. O almeno un sintomo della presenza del postino: lo scooter, un casco giallo, una sacca di pelle, condomini che bestemmiano. Niente di niente. Allora corro all’ufficio postale: deserto, l’unico giorno dell’anno. E mentre sventolo il mio cedolino giallo, la gentildonna allo sportello mi dice: "eh stamattina venite tutti con quello".
Sarà che il postino aveva fretta, dico io.
Il fatto è che qui c’è scritto "potrà ritirare da domani alle 9 alle poste centrali", mi spiega lei.
Cazzo, mi ero fermato un rigo sopra, penso io, e le dico non c’è un modo per ritirarla oggi?
Mi sa di no. E ci manca solo che sia una multa.

aggiornamento del 1 gennaio 2008
mi dice un mio amico che più volte ieri mattina ha suonato al citofono senza avere risposta: dormivo. probabilmente, ne deduco, anche il postino avrà fatto almeno un tentativo. me ne scuso con l’interessato e con i lettori.

manifatture knos

commenta

ieri ho fatto un giro alle manifatture knos. ci ero stato qualche tempo prima dell’inaugurazione, quando ancora sembrava il laboratorio dell’istituto professionale che fu, dopo anni di abbandono.
dopo meno di due mesi ho trovato un posto completamente rivoluzionato, in cui lo spazio e gli oggetti hanno preso forma e colore e nonostante siamo in mezzo alle feste, lentamente la macchina si muove.

regali di natale

3 commenti

ho appena cliccato sul pulsante acquista. sfidando paure arcaiche ho comprato una videocamera digitale su internet, con notevole risparmio economico. ora aspetto, serenamente, che mi arrivi il pacco.

Saranno quattro gradi stanotte. Non è una bella serata per restare fuori e questa gente un posto per dormire c’è l’ha pure.
[update del 21dic. avevo saltato un pezzo]
Ma stanotte la comunità romana del Bangldesh è venuta davanti alla basilica di Santa Maria Maggiore, ché gli italiani a volte sono cristiani a senso unico e dimenticano cosa significa accoglienza.
[fine update]

E invece questa gente dice che la sicurezza non vuol dire tutti gli stranieri fuori dall’Italia. Probabilmente non vuol dire nemmeno tutti dentro, aggiungo io, ma chiudere gli occhi e le frontiere non risolve il problema. E allora per una notte sfidando il freddo cento persone, uomini e donne, vengono in pace a dire che vogliono restare in Italia.

C’è un motivo valido per dire di no?

tornare indietro

1 commento

Ieri sera sono uscito in scooter e mentre già andavo verso il centro, poco dopo esser partito, mi sono accorto di essere senza documenti: niente patente, libretto, assicurazione, nemmeno la carta d’identità; solo la tessera arci e la carta punti del supermercato.
In due anni e mezzo nessuno mi ha fermato neanche una volta, ho pensato, posso andare. E poi ho cambiato idea, in un attimo, ho fatto inversione e son tornato a casa a prendere i documenti. Per senso civico.

Quando poco dopo, in fondo ai fori imperiali poco prima di piazza venezia, un carabiniere con la paletta rossa in mano mi ha fatto accostare, continuavo a tirare fuori fogliacci inutili: "il bollo lo vuole vedere? e la revisione?" e sotto la barba sorridevo come uno fortunato.

Stamattina camminavo sotto casa quando mi sono accorto di aver perso un guanto: li avevo messi in tasca tutti e due apppena uscito, ma ce ne era solo uno. ho fatto a ritroso la strada per casa, tornando sui miei passi, guardando gli ostacoli che avevo superato, le scorciatoie che avevo preso. Sono tornato indietro
quasi fino al pianerottolo, e alla fine, ormai disperato, ho ritrovato il guanto sulle scale.

crash

4 commenti

il passaggio è molto stretto e loro sono molto più potenti. dalla tua hai la leggerezza è una buona dose di flessibilità. anche il tempo è poco.
vai dritto per la tua strada più forte che puoi, non ti voltare.
e quando il contatto diventa inevitabile tieni duro, tira dritto:
l’importante è non cadere.
oggi non piove sul bagnato, per fortuna. siamo ancora in piedi.

nessun titolo

1 commento

tre giorni pieni di sensazioni, tra roma e bologna. tanto da raccontare, da Marlow a Città del Capo, vorrei farvi vedere (e sentire) un po’ di cose, appena c’è un po’ di tempo, fra poco.

santa lucia

commenta

… per chi vive all’incrocio dei venti ed è bruciato vivo
per le persone facili che non hanno dubbi mai…

gratta e aspetta

6 commenti


Ho fatto sette e mezzo al sette e mezzo e ho vinto sette euro, ma non li ho ritirati, anzi: ho strappato il gratta e vinci e l’ho appeso in camera.
A futura memoria.

Page 1 of 212Next »
http://www.fulviototaro.it/feed/atom/