Una bolletta da pagare, nemmeno troppo onerosa. Scaduta da venerdì. L’ufficio sotto casa stamattina era strapieno così decido di andare dritto al lavoro. Cercherò in redazione, su internet, l’ufficio postale più vicino aperto il pomeriggio, ho pensato. E così ho fatto, risultato: Roma Prati.
Alle 5 esco dal lavoro e corro là, supero le persone in attesa all’ingresso e prendo il mio biglietto. Poi guardo a che numero sono arrivati: 665.
Ho fatto la sottrazione 928-665
Risultato: 263 clienti in attesa.
Ammesso che la metà rinuncino… io sono in quella metà. Non passerò il resto del pomeriggio alle poste.
Sarà per un’altra volta.

più liberi

4 commenti


Di tutto il sabato pomeriggio passato alla fiera della piccola e media editoria, la mezzora più bella è stata riempita da Filippo Timi e Antonio Scurati che chiacchieravano di amore romantico, morte, vita. Dopo una felice intuizione di Timi, i due autori hanno provato a parlare, da quei punti di vista, di Hello Spank; molto divertente.

http://www.fulviototaro.it/feed/atom/