la strada

1 commento

"Quando non c’è niente, la gente impara a mangiare tutto. Questo è l’anticipo della guerra".
Ha detto proprio così, l’anticipo della guerra, anche se certo, non sapeva di cosa stava parlando. Avrà avuto quarant’anni e forse non era nemmeno la figlia quella con cui passegiava nei corridoi del supermercato.
Chissà se qualcuno comprerà anche quelle poche mele rimaste, troppo mature. Ma a pochi minuti dalla chiusura non c’è la calca tra gli scaffali. C’è ancora un po’ di pane fresco, al reparto gastronomia dove il salumiere affettando il crudo, spiega a un cliente che i bancari hanno avuto più di cento euro di aumento senza un’ora di sciopero. C’è ancora un po’ di pane fresco, non capita mai a quest’ora. Invece il latte è finito, quello fresco che arriva il pomeriggio. Chissà che calcoli ha fatto, la gente.
Fagiolini in scatola, risotto pronto, pelati, spaghetti, tonno, olive.
Metto tutto nel carrello e andiamo.

"Ce la caveremo, vero, papa?"
Sì, ce la caveremo.
E non ci succederà niente di male.
Esatto."

http://www.fulviototaro.it/feed/atom/