la musica è finita

Vorrei sapere chi ha spento l’amplificazione nel bel mezzo dell’esibizione di Vinicio Capossela ieri sera al concerto per l’Earth Day, al Campidoglio. Per l’esattezza nella parte finale della trance del Ballo di San Vito. Qualcuno dice che bisognava chiudere a mezzanotte e mezzanotte era passata da un quarto d’ora, ma con un po’ di buon senso, finisce il pezzo e poi se ne discute, no? Oppure finisce il pezzo e poi basta, ma cazzo, almeno fate finire la canzone.
E poi, soprattutto, lo strazio di sentire ovunque proteggi, solo la prima strofa, suonata al pianoforte, senza amplificazione: ché un concerto di Vinicio da un po’ di tempo, non può finire se non con quella canzone. Non poterla ascoltare e sforzarsi di intuire le parole, be’ quello è stato davvero troppo.

Qualcuno voleva conoscere la storia dell’uomo vivo. Ecco alcune immagini del "Gioia", dalla Pasqua di Scicli.

0 comments so far

Add a comment

http://www.fulviototaro.it/feed/atom/